Follow us

 

CGEST

  • italia-sono-anchio.jpg
  • diverse.jpg
  • azzurro4.jpg
  • malmo-multicultural.png
  • pellico-cittadinanza.png
  • sample5-660x279.jpg
  • decreto-flussi-20122.jpg
  • bandierabambini13.jpg
  • 2-Giugno-Sesto-San-Giovanni.jpg
  • integrazione-1.jpg
  • pizza-stranieri-580x333.png
  • bimbi-stranieri-in-italia.jpg
  • fiona_may_oro_edmonton_2001_getty.jpg
  • 1220985045984_f.jpg
  • italiasonoanchio15.jpg
  • sample4-660x279.jpg
  • download.jpg

Cittadinanza ai figli degli immigrati, se ne riparla a settembre

Un milione di figli di immigrati potranno passare l’estate tranquilli. Tranquilli che anche questa estate l’Italia, il loro Paese, continuerà a considerarlistranieri.

La riforma che dovrebbe cambiare le cose, sancendo che questi bambini e ragazzi sono italiani anche per legge, trascorrerà le vacanze al fresco nei cassetti della commissione Affari Costituzionali del Senato, insieme ai quasi ottomila emendamenti che vorrebbero bloccarla. È ferma lì dallo scorso ottobre, quando ci è arrivata dopo l’approvazione alla Camera dei Deputati. 

Fino ad aprile ci sono state solo la discussione generale, un paio di audizioni e la valanga di emendamenti della Lega Nord. Poi lo stop, prima in attesa che quegli emendamenti venissero tutti catalogati, poi che ci si decidesse a far tornare la riforma all’ordine del giorno per esaminarli, votarli e arrivare un testo da portare in Aula. 

La maggioranza sembrava averci creduto, calendarizzando la discussione in Aula per la prossima settimana, ma non troppo, come mostrava la formula “ove concluso dalla Commissione”. La Commissione, però, non solo non ha concluso l’esame degli emendamenti,  non l’ha neanche iniziato. 

Di settimana in settimana, le convocazioni della Commissione non hanno mai rimesso all’ordine del giorno la riforma della cittadinanza (ddl 2092), preferendole sempre provvedimenti considerati più urgenti. Ora, per esempio, è il turno del ddl sull’editoria, ultimo di una lunga serie di priorità rispetto ai diritti delle seconde generazioni. 

Anche la prossima settimana andrà così, la convocazione pubblicata oggi conferma che la riforma resterà nei cassetti. C’è da sperare nella settimana successiva? Davvero inverosimile: è l’ultima prima della pausa estiva e non avrebbe senso aprire una discussione su migliaia di emendamenti per poi fermarsi per un mese. Se ne riparla asettembre, priorità permettendo. 

Tutti i servizi di consulenza e gestione pratiche sono a titolo gratuito

Ultime news

Nuovo stop alla tassa sul permesso di soggiorno, respinto il ricorso del governo

16-11-2016

Il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del Tar, sparisce un'altra volta il contributo da 80, 100 o 200 euro. Il governo dovrà fissare tariffe più eque e decidere...

Read more

Permesso di soggiorno, ora si paga anche per i bambini

16-08-2016

Il permesso di soggiorno baby presenta il conto ai genitori.  Lo scorso 23 luglio è entrata in vigore la legge europea 2015-2016, che, tra le altre cose, ha introdotto il permesso...

Read more

Minori stranieri gratis nei musei italiani, ora è legge

25-07-2016

Era un’eccezione, ora diventa legge. Anche i minori extracomunitari, così come quelli italiani o comunitari, possono entrare gratuitamente neimusei italiani.  La regola vale per i figli dei turisti stranieri che vengono...

Read more

Normative vigenti

Le norme che regolano i migranti

10-05-2016

Clicca qui per conoscere il testo unico migranti   Gli stranieri che vogliono soggiornare in Italia per più di tre mesi devono richiedere un permesso di soggiorno, che può essere rilasciato per...

Read more

Controlla ora il tuo permesso di soggiorno!

Inserisci il numero pratica o assicurata

 


Follow us
Quick links
Ministero dell'interno
Ministero del lavoro
Stranieri in Italia
 
Controlla permesso di soggiorno
Documenti smarriti
Codice fiscale

Contatta Centro Migranti Verona
+390458011096
Email info@centromigranti.it

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy